I Produttori

 

“Il vino è la più attraente e la più affascinante delle bevande”.

Renato Ratti (1934-1988)

 

le AZIENDE SELEZIONATE

Non uno… ma 217 consigli

Nuove ammissioni e verifiche delle aziende già inserite nel nostro gruppo: un panorama ampio e qualificato, fatto di cantine a conduzione familiare e grandi aziende accomunate da una filosofia di produzione attenta e accurata che ha ottenuto l’idoneità dalla nostra Commissione Tecnica di Degustazione “A. Cordero”.

I Nostri Produttori

ODDERO Luigi Vigneti

Casa Fraz. Santa Maria – B.ta Bettolotti 95 LA MORRA 12064 (CN)Telefono ufficio: +39 0173 500386Sito web: www.vignetiluigioddero.it

Biography

Foto di ODDERO Luigi Vigneti

L’Azienda Luigi Oddero e figli ha sede ai Bettolotti in Frazione Santa Maria di La Morra.
Si tratta di un’importante tenuta agricola che ha contribuito alla storia dell’enologia delle Langhe: appartenuta alla Mensa Vescovile della Diocesi di Alba e venne poi acquistata dal 1869 da Luigi Parà, un geniale imprenditore agricolo che vi sperimentò nuove tecniche di colture verso la fine dell’Ottocento.
I primi Oddero viticoltori ed enologi furono i fratelli Lorenzo e Luigi. Vinificavano Barolo, Dolcetto, Barbera come attestano diplomi, premi e fatture fin dal 1880. Parteciparono, negli ultimi anni del secolo, alla fiera di Milano con un Barolo di quattro anni. Fu il figlio di Lorenzo, Giacomo, che iniziò la messa in bottiglia dei vini. Per la storia recente, cioè di un’azienda agraria famigliare che dal 1951 era guidata da due fratelli: Giacomo e Luigi.
I fratelli Luigi e Giacomo Oddero reggono le sorti della loro gloriosa ed antica azienda. Nel 1951 il padre Giovanni lascia le redini dell’azienda in mano ai due giovani fratelli.
Luigi Oddero porta con sè alcuni storici cru di famiglia: i vigneti Rive-Parà, i vigneti di Plaustra e dei Bettolotti di La Morra; il cru Rocche dei Rivera a Castiglione Falletto; una parte di Vigna Rionda a Serralunga d’Alba e i vigneti di Moscato alla cascina Fiori di Trezzo Tinella.
Queste vigne, dislocate nelle posizioni migliori, permettono all’azienda di proporre una scelta ampia e di qualità della produzione vinicola delle Langhe.

un assaggio poetico

Il Barolo

di Marisa Ferrero e Mario Sandri
che ringraziamo per aver autorizzato la pubblicazione

 

Fu Noè a scoprire il vino, così dice la tradizione
ci sono le prove che la Bibbia aveva ragione
dove approdò l’arca dopo il diluvio universale
il patriarca si prese una sbornia colossale.

Il Barolo è tra i migliori vini italiani
aiuta gli ammalati e fa bene ai sani
a crearlo furono i Marchesi Falletti nell’Ottocento
la sua fama nel mondo si divulgò in ogni momento

Anche Cavour politico e statista
dell’Unità d’Italia fu artefice ed artista
da sindaco di Grinzane favorì lo sviluppo del Nebbiolo
e apprezzò il profumo e il gusto del vino Barolo

Il Re dei Vini, il vino dei Re è da tutti definito
anche Re Carlo Alberto ne fu così colpito
che la Marchesa da Barolo fece partire botti di vino
su una lunga fila di carri che entravano in Torino

Il Barolo giunse fino alla casa reale
Carlo Alberto disse: questo vino realmente vale
su colline fertili e terreno ubertoso
si coltiva il Nebbiolo, vitigno prezioso.

Questo vino nel calice brilla come un rubino.
Si presenta maestoso ed il suo spirito Divino
a tutti i palati è davvero gradevole
ha avuto il nome da un paese incantevole.

17 marzo 2011, 150° Anniversario dell’Unità d’Italia

 

ORARIO

INFO