I Produttori

 

“Il vino è la più attraente e la più affascinante delle bevande”.

Renato Ratti (1934-1988)

 

le AZIENDE SELEZIONATE

Non uno… ma 217 consigli

Nuove ammissioni e verifiche delle aziende già inserite nel nostro gruppo: un panorama ampio e qualificato, fatto di cantine a conduzione familiare e grandi aziende accomunate da una filosofia di produzione attenta e accurata che ha ottenuto l’idoneità dalla nostra Commissione Tecnica di Degustazione “A. Cordero”.

I Nostri Produttori

MONCHIERO F.lli

Ufficio Via Alba, 58 CASTIGLIONE FALLETTO 12060 (CN)Telefono ufficio: +39 0173 62820Sito web: www.monchierovini.it

Biography

Foto di MONCHIERO F.lli

Una crescita graduale dalle scelte ponderate e mirate. Una storia di mezzadria diventata una storia di vigne, scritta da una famiglia legata alla terra di Langa, a Castiglione Falletto e al suo “oro”: il vino. Dagli anni ’50 i fratelli Remo e Maggiorino Monchiero, originari di La Morra, iniziano il cammino sulla strada del vino.Nei primi anni ’60 le uve prodotte nei terreni di famiglia vengono vendute ma il desiderio di vinificare è forte e si passa a produrre il vino sfuso per poi imbottigliarlo negli anni ’70 e affacciarsi ai mercati seguendo due linee ben marcate: il Barolo per l’estero (Stati Uniti) e i vini giovani in Italia.Negli anni ’80 Vittorio Monchiero, figlio di Maggiorino, si specializza alla Scuola Enologica di Alba e cresce insieme all’azienda e ai nuovi terreni acquistati dal padre e dallo zio. Uomo e terra si sviluppano e la nuova cantina è il simbolo della produzione dei Monchiero.Negli anni ’90 Vittorio, sposato con Daniela, si occupa anche degli aspetti di marketing e il nome della Cantina Monchiero e del suo “oro”, il Barolo, è presente nelle Fiere e nelle degustazioni in giro per il mondo. Tradizione e innovazione si fondono, i vigneti sono rimessi a nuovo e la produzione aumenta anche grazie all’acquisto di appezzamenti selezionati.

******

The Monchiero vineyard estate can look back on a carefully considered, purposeful and gradual development. Its history is based on the gold der Langa, wine, and the Monchiero family from La Morra.The brothers Remo and Maggiorino Monchiero embarked on their wine journey in the 50s. First they only sold grapes, and then came the desire to make wine themselves.And so the journey continued, until in the 70s the wine was drawn into bottles and placed on the market: the “gold” of the Langa – Barolo for abroad (USA), the young wines for Italy.Vittorio Monchiero, son of Maggiorino, graduated from the college of viticulture in Alba and gradually became more involved in the concern which had been expanded by his father and uncle.After marrying his wife Daniela he took over the wine cellar and marketing, travelled and attended trade fairs throughout the world.Tradition and innovation left their mark; production grew, not least thanks to the acquisition of choice land.

un assaggio poetico

Il Barolo

di Marisa Ferrero e Mario Sandri
che ringraziamo per aver autorizzato la pubblicazione

 

Fu Noè a scoprire il vino, così dice la tradizione
ci sono le prove che la Bibbia aveva ragione
dove approdò l’arca dopo il diluvio universale
il patriarca si prese una sbornia colossale.

Il Barolo è tra i migliori vini italiani
aiuta gli ammalati e fa bene ai sani
a crearlo furono i Marchesi Falletti nell’Ottocento
la sua fama nel mondo si divulgò in ogni momento

Anche Cavour politico e statista
dell’Unità d’Italia fu artefice ed artista
da sindaco di Grinzane favorì lo sviluppo del Nebbiolo
e apprezzò il profumo e il gusto del vino Barolo

Il Re dei Vini, il vino dei Re è da tutti definito
anche Re Carlo Alberto ne fu così colpito
che la Marchesa da Barolo fece partire botti di vino
su una lunga fila di carri che entravano in Torino

Il Barolo giunse fino alla casa reale
Carlo Alberto disse: questo vino realmente vale
su colline fertili e terreno ubertoso
si coltiva il Nebbiolo, vitigno prezioso.

Questo vino nel calice brilla come un rubino.
Si presenta maestoso ed il suo spirito Divino
a tutti i palati è davvero gradevole
ha avuto il nome da un paese incantevole.

17 marzo 2011, 150° Anniversario dell’Unità d’Italia

 

ORARIO

INFO